Pos.   Prot. N. 280.03.11 



Oggetto: DPR 6-6-2001, n. 380 - Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di edilizia.




Allegati n...........................


              Assessorato regionale dei lavori pubblici                     Dipartimento regionale Ispettorato tecnico LL. PP 
          Segreteria del Dipartimento  
                                  PALERMO 


E P.C.  Assessorato regionale del territorio e dell'ambiente 


P A L E R M O


1 - Con nota 5-11-2003, n. 1089/SD, codesto Ispettorato ha chiesto l'avviso dello scrivente Ufficio in ordine alla possibilitā di applicare in Sicilia il su indicato Testo unico senza un'apposita norma di recepimento e nel contempo di individuare eventuali norme "applicabili direttamente e immediatamente in attesa della legge di recepimento".

Viene, osservato come il predetto Testo unico presenti "forti connotati innovativi" quali la ridefinizione e regolamentazione dei titoli abilitativi (che comporta una sostanziale modifica all'attuale omologo quadro normativo regionale in materia urbanistica) e la costituzione dello Sportello unico per l'edilizia ( istituito in Sicilia limitatamente alla realizzazione di attivitā produttive), innovazioni che, a parere di codesto Dipartimento, non possono trovare diretta applicazione nella Regione dotata, in materia, di specifica potestā legislativa.

2. Quest'Ufficio condivide l'avviso di codesta Amministrazione circa l'impossibilitā di diretta applicazione in Sicilia del citato D.P.R. n. 380/2001.
Deve infatti rimarcarsi che il Testo unico in questione, modificato ed integrato col D. lgs. 27-12-2002, n. 301 - che č stato adottato in forza della delega conferita al Governo ai sensi dell'art. 7, commi 1 e 2 della l. n. 50/1999, come modificato dall'art. 1 della l. n. 340/2000 - contiene norme primarie (di contenuto sostanziale), norme primarie delegificate (procedimentali e organizzative) divenute regolamentari e norme secondarie (regolamentari) rimaste tali.
Il riordino, quindi, attiene a normativa statale giā vigente che subisce parziali modifiche per effetto della delegificazione di alcune disposizioni di legge ai sensi del comma 8 dell'art. 20 della legge n. 59/1997. Valgano, a titolo esemplificativo, l'art 5 (R) che introduce lo Sportello unico per l'edilizia o l'art. 15 (R), che riformula, con parziali modifiche, le disposizioni giā contenute nei commi 3, 4 e 5 della legge 28-1-1977, n. 10 e nel comma 11 dell'art. 31 della l. 17-8-1942, n. 1150).

Orbene, che tale Testo unico non trovi applicazione in Sicilia e nelle altre regioni a statuto speciale e nelle province autonome č implicitamente desumibile dalla formulazione del secondo comma dell' art. 2 per il quale tali enti "esercitano la loro "potestā legislativa esclusiva, nel rispetto e nei limiti degli statuti di autonomia e delle relative norme di attuazione" e laddove, al comma 1, soltanto per le regioni a statuto ordinario i "principi fondamentali della legislazione statale desumibili dalle disposizioni contenute nel testo unico" costituiscono limite all'esercizio della relativa potestā legislativa concorrente.

Per quel che concerne la Regione Siciliana, la materia in questione rientra in quella "urbanistica", indicata dall'art. 14 lett f) dello Statuto, comprendente sia il governo del territorio che l'attivitā edilizia in senso stretto e nella quale l'esercizio della potestā legislativa č soggetto all'osservanza dei principi e degli interessi cui si informa la legislazione dello Stato ( Corte cost., 24-01-1992, n. 16). Peraltro, dopo la modifica dell'art. 117 della Costituzione, anche tali limiti devono ritenersi venuti meno e sostituiti dal "rispetto della Costituzione, nonché dei vincoli derivanti dall'ordinamento comunitario e dagli obblighi internazionali".

Ovviamente, resta ferma la facoltā dei competenti organi dotati di iniziativa legislativa di valutare l'opportunitā di adeguare la legislazione regionale alle novitā introdotte dalla nuova normativa statale. E d'altra parte, il legislatore regionale č giā intervenuto in materia edilizia con l'emanazione di norme che non trovano rispondenza nel citato testo unico (cfr. artt. 18 e 20 della l.r. n. 4/2003 e l'art. 14 della l.r. n. 2/2002) senza operare ad esso alcun rimando.

Da tali premesse discende, come logica conseguenza, che le norme legislative e regolamentari statali che trovavano applicazione nella Regione giā prima dell'entrata in vigore del D.p.r. n. 380/2001 devono ritenersi tutt'ora applicabili nel testo originario.
Il presente parere, attesa la materia trattata, viene esteso all'Assessorato regionale del territorio e dell'ambiente, restando quest'Ufficio a disposizione per ogni eventuale approfondimento della questione che fosse ritenuto necessario.

*****

Ai sensi dell'art. 15, co. 2 del D.P.Reg. 16-6-1998, n. 12 lo scrivente acconsente sin d'ora all'accesso, presso codesto Assessorato, al presente parere da parte di eventuali soggetti richiedenti.
Si ricorda, poi, che in conformitā alla circolare presidenziale 8-9-1998, n. 16586/66.98.12, trascorsi 90 giorni dalla data di ricevimento del presente parere senza che codesta amministrazione ne comunichi la riservatezza, lo stesso potrā essere inserito nella banca dati FONS.

Regione Siciliana - Ufficio legislativo e legale
Ogni diritto riservato. Qualunque riproduzione, memorizzazione, archiviazione in sistemi di
ricerca ,anche parziale, con qualunque mezzo, è vietata se non autorizzata.
All rights reserved. Part of these acts may be reproduced, stored in a retrieval system or
transmitted in any form or by any means, only with the prior permission.

Ideazione grafica e programmi di trasposizione © 1998-2002 Avv. Michele Arcadipane
Revisione e classificazione curata da Avv. Francesca Spedale