Gruppo     II                        /24.01.11

OGGETTO: Attribuzione dell'indennitÓ mensa al personale L.S.U.

   
   
   
   
   
                                                             DIPARTIMENTO REGIONALE
                                                             DEL PERSONALE E DEI SS. .GG.
                                                              S E D E
   
   
                 1. Con la suindicata nota, successivamente integrata con nota n. 2784 del 19 febbraio 2001, codesto Dipartimento regionale, premesso che il rapporto di impiego dei dipendenti assunti a tempo determinato ai sensi dell'art. 23 quater della legge n. 61/98 Ŕ regolato dal contratto di assunzione, che l'orario di lavoro di alcune delle amministrazioni locali (province regionali di Messina, Catania, Ragusa e Siracusa) presso le quali essi prestano servizio Ŕ articolato in 5 giorni la settimana (6 ore giornaliere con 2 rientri pomeridiani) e che, riguardo ai predetti dipendenti, non Ŕ intervenuta alcuna contrattazione decentrata ai sensi dell'art. 12 del D.P.Reg. 26/99, pone allo Scrivente i seguenti quesiti:
   - se si debbano liquidare indennitÓ in favore del personale in argomento anche in assenza di contrattazione decentrata;
   - in caso di risposta negativa al precedente quesito, se sia possibile liquidare l'indennitÓ di mensa, tenuto conto del recente orientamento del Governo, che pare riconoscere qualche elemento di diversitÓ, quanto alla natura giuridica, della indennitÓ in questione rispetto alle altre;
   - in caso di risposta positiva ad uno dei due precedenti quesiti, se, avuto riguardo all'art. 16/ del D.P.Reg. 26/99, si debba liquidare l'importo calcolato con riferimento a un solo rientro settimananale o a tutti quelli concretamente effettuati.
   
                 2. Il contratto di lavoro a tempo determinato ai sensi dell'art. 23 quater del decreto legge 30 gennaio 1998, convertito con modifiche nella legge 31 marzo 1998, n. 61, stipulato tra l'Amministrazione regionale ed i soggetti giÓ utilizzati nei progetti interregionali dei lavori socialmente utili, prevede al comma 1, dell'art. 2 che "La Regione Siciliana corrisponderÓ il trattamento economico iniziale tabellare del contratto di lavoro dei dipendenti della Regione Siciliana di cui al D.P.Reg. n. 11/95 e successive modifiche ed integrazioni, previsto per la qualifica, il livello posseduti dal lavoratore indicati al precedente art. 1 del presente contratto, nonchŔ, ove spettante, l'assegno per il nucleo familiare e gli eventuali compensi per il lavoro straordinario e per le missioni autorizzate ed effettuate in relazione alle disponibilitÓ finanziarie nell'apposito capitolo del Bilancio Regione".
                 Ora, dall'esame del predetto comma 1, sembra ricavarsi che, in mancanza di una diversa disciplina, nessun emolumento possa essere corrisposto al personale di cui si discute oltre a quelli tassativamente indicati dal contratto di assunzione, che, a tutt'oggi, costituisce la fonte regolatrice del relativo rapporto di impiego.
                 Conseguentemente al personale L.S.U., in atto sembra che vadano corrisposti lo stipendio base tabellare pi¨ l'indennitÓ integrativa speciale, l'assegno per il nucleo familiare, ove spettante, gli eventuali compensi per il lavoro straordinario e l'indennitÓ di missione, in relazione alle disponibilitÓ finanziarie, secondo il dettato del comma 1 dell'art. 2 del contratto di lavoro, ma non l'indennitÓ mensa.
                 Quanto alla prospettata diversitÓ giuridica di quest'ultima indennitÓ rispetto alle altre indennitÓ, secondo un non meglio precisato "orientamento del governo", lo Scrivente, data la genericitÓ dei termini in cui la questione viene posta, si riserva, eventualmente, di ritornare sull'argomento a seguito di specifiche comunicazioni da parte di codesto Dipartimento.
                 Le superiori considerazioni assorbono allo stato l'esame dell'ultimo quesito.

   *******


             A' termini dell'art. 15, co. 2 del D.P.Reg. 16 giugno 1998, n. 12 lo Scrivente acconsente sin d'ora all'accesso presso codesto Assessorato al presente parere da parte di eventuali soggetti richiedenti.
                 Si ricorda poi che, in conformitÓ alla circolare presidenziale dell'8 settembre 1998, n. 16586/66.98.12, trascorsi 90 giorni dalla data di ricevimento del presente parere senza che codesta Amministrazione ne comunichi la riservatezza, lo stesso potrÓ essere inserito nella banca dati "FONS".

Regione Siciliana - Ufficio legislativo e legale
Ogni diritto riservato. Qualunque riproduzione, memorizzazione, archiviazione in sistemi di
ricerca ,anche parziale, con qualunque mezzo, è vietata se non autorizzata.
All rights reserved. Part of these acts may be reproduced, stored in a retrieval system or
transmitted in any form or by any means, only with the prior permission.

Ideazione grafica e programmi di trasposizione © 1998-2001 Avv. Michele Arcadipane