REPUBBLICA ITALIANA
GAZZETTA UFFICIALE
DELLA REGIONE SICILIANA

PARTE PRIMA
PALERMO - VENERD╠ 30 GIUGNO 2006 - N. 32
SI PUBBLICA DI REGOLA IL VENERDI'

DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE: VIA CALTANISSETTA 2/E - 90141 PALERMO
INFORMAZIONI TEL 7074930 - ABBONAMENTI TEL 7074926 INSERZIONI TEL 7074936 - FAX 7074927

AVVERTENZA
Il testo della Gazzetta Ufficiale Ŕ riprodotto solo a scopo informativo e non se ne assicura la rispondenza al testo della stampa ufficiale, a cui solo Ŕ dato valore giuridico. Non si risponde, pertanto, di errori, inesattezze ed incongruenze dei testi qui riportati, nŔ di differenze rispetto al testo ufficiale, in ogni caso dovuti a possibili errori di trasposizione

Programmi di trasposizione e impostazione grafica di :
Michele Arcadipane - Trasposizione grafica curata da: Alessandro De Luca - Trasposizioni in PDF realizzate con Ghostscript e con i metodi qui descritti

DECRETI ASSESSORIALI

ASSESSORATO DELLA SANITA'


DECRETO 4 maggio 2006.
Protocollo d'intesa relativo alla proroga per l'anno 2006 degli accordi regionali dei medici specialisti ambulatoriali e delle altre professionalitÓ sanitarie, approvati con decreti 15 aprile 2002 e 10 giugno 2003.

L'ASSESSORE PER LA SANITA'

Visto lo Statuto della Regione;
Visto l'art. 48 della legge 23 dicembre 1978, n. 833;
Visto l'A.C.N. per la disciplina dei rapporti con i medici specialisti ambulatoriali ed altre professionalitÓ ambulatoriali, reso esecutivo con apposita intesa sancita dalla Conferenza permanente Stato~Regioni in data 23 marzo 2005;
Visto l'art. 14 del predetto A.C.N., che individua le materie la cui disciplina Ŕ demandata alla contrattazione decentrata regionale;
Visto l'art. 8 del citato A.C.N., che prevede che nell'attesa della definizione dei nuovi accordi regionali sono comunque garantiti gli effetti degli accordi vigenti fino alla loro scadenza, conformemente alle determinazioni previste negli stessi;
Visto il decreto n. 534 del 15 aprile 2002, con cui sono stati approvati gli accordi regionali dei medici specialisti ambulatoriali stipulati ai sensi della norma finale n. 8 del D.P.R. n. 271/2000 e definite le relative modalitÓ di finanziamento;
Visto il decreto n. 524 del 30 aprile 2003, con il quale, ferma restando la definizione dei contenuti e delle modalitÓ di attuazione degli istituti di cui al predetto decreto n. 534/2002, Ŕ stato approvato il protocollo d'intesa con cui si sono stabilite le modalitÓ di ripartizione delle risorse da destinare per l'anno 2003 al finanziamento degli accordi regionali di cui al citato decreto n. 534/2002;
Visto il decreto n. 2668 del 20 gennaio 2004, con il quale, ferma restando la definizione dei contenuti e delle modalitÓ di attuazione degli istituti di cui al predetto decreto n. 534/2002, Ŕ stato approvato il protocollo d'intesa con cui si sono stabilite le modalitÓ di ripartizione delle risorse da destinare per l'anno 2004 al finanziamento degli accordi regionali di cui al citato decreto n. 534/2002;
Visto il decreto n. 1007 del 10 giugno 2003, con il quale sono stati approvati gli accordi regionali dei biologi, dei chimici e degli psicologi ambulatoriali, stipulati ai sensi degli artt. 14 e 21 del D.P.R. n. 446/2001, e sono state definite le relative modalitÓ di finanziamento per l'anno 2003;
Visto il decreto n. 3905 del 5 agosto 2004, con il quale Ŕ stato approvato il protocollo d'intesa con cui si sono stabilite le modalitÓ di ripartizione delle risorse da destinare per l'anno 2004 al finanziamento degli accordi regionali approvati con il citato decreto n. 1007/2003;
Visto il verbale della riunione di contrattazione decentrata regionale del 21 marzo 2006, nel corso della quale le parti, considerato che i protocolli d'intesa approvati con decreto n. 534 del 15 aprile 2002 e decreto n. 1007 del 10 giugno 2003 possono ritenersi ancora vigenti nella parte che riguarda la definizione dei contenuti e delle modalitÓ di attuazione degli istituti contrattuali ivi previsti, hanno concordato che, nell'attesa della definizione dei nuovi accordi regionali e sino ad approvazione degli stessi, possono prorogarsi per l'anno 2006 i predetti protocolli d'intesa, limitatamente agli istituti contrattuali previsti anche dall'A.C.N. 23 marzo 2005;
Considerato che nel corso della predetta riunione le parti hanno sottoscritto, nei termini di cui sopra, un apposito protocollo d'intesa relativo alla proroga per l'anno 2006 degli accordi regionali approvati con decreto n. 534 del 15 aprile 2002 e decreto n. 1007 del 10 giugno 2003;
Ritenuto di poter approvare con atto formale il predetto protocollo d'intesa;

Decreta:


Art. 1

E' approvato il protocollo d'intesa, che si allega al presente decreto costituendone parte integrante, con cui, in attesa della definizione degli accordi regionali di cui all'A.C.N. 23 marzo 2005, si prorogano per l'anno 2006, e sino ad approvazione dei predetti accordi, i protocolli d'intesa approvati con decreto n. 534 del 15 aprile 2002 e decreto n. 1007 del 10 giugno 2003, limitatamente agli istituti contrattuali previsti anche dal vigente A.C.N..

Art. 2

Le somme per far fronte alle spese derivanti dall'applicazione dell'art. 1 del presente decreto sono considerate e incluse in quelle giÓ assegnate alle aziende unitÓ sanitarie locali nel riparto relativo all'esercizio finanziario 2005.

Art. 3

Il presente provvedimento sarÓ trasmesso agli organi di controllo e successivamente alla Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana per la relativa pubblicazione.
Palermo, 4 maggio 2006.
  PISTORIO 



Vistato dalla ragioneria centrale per l'Assessorato della sanitÓ in data 15 maggio 2006 al n. 105.
Allegato
PROTOCOLLO D'INTESA RELATIVO ALLA PROROGA PER L'ANNO 2006 DEGLI ACCORDI REGIONALI DEI MEDICI SPECIALISTI AMBULATORIALI E DELLE ALTRE PROFESSIONALITA' SANITARIE APPROVATI, RISPETTIVAMENTE, CON DECRETI NN. 534 DEL 15 APRILE 2002 E 1007 DEL 10 GIUGNO 2003

Premesso che:
in data 23 marzo 2005 Ŕ stato reso esecutivo l'A.C.N. per la disciplina dei rapporti con i medici specialisti ambulatoriali ed altre professionalitÓ ambulatoriali;
l'art. 14 del predetto A.C.N. individua le materie la cui disciplina Ŕ demandata alla contrattazione decentrata regionale;
l'art. 8 del citato A.C.N. prevede che nell'attesa della definizione dei nuovi accordi regionali sono comunque garantiti gli effetti degli accordi vigenti fino alla loro scadenza, conformemente alle determinazioni previste negli stessi;
con decreto n. 534 del 15 aprile 2002 sono stati approvati gli accordi regionali dei medici specialisti ambulatoriali stipulati ai sensi della norma finale n. 8 del D.P.R. n. 271/2000 e definite le relative modalitÓ di finanziamento;
con decreto nn. 524 del 30 aprile 2003 e 2668 del 20 gennaio 2004, ferma restando la definizione dei contenuti e delle modalitÓ di attuazione degli istituti di cui al predetto decreto n. 534/2002, sono stati approvati i protocolli d'intesa con cui sono state stabilite le modalitÓ di ripartizione delle risorse da destinare, rispettivamente per l'anno 2003 e 2004, al finanziamento degli accordi regionali di cui al citato decreto n. 534/2002;
con decreto n. 1007 del 10 giugno 2003 sono stati approvati gli accordi regionali dei biologi, dei chimici e degli psicologi ambulatoriali, stipulati ai sensi degli artt. 14 e 21 del D.P.R. n. 446/2001 e definite le relative modalitÓ di finanziamento per l'anno 2003;
con decreto n. 3905 del 5 agosto 2004 Ŕ stato approvato il protocollo d'intesa con cui si sono stabilite le modalitÓ di ripartizione delle risorse da destinare per l'anno 2004 al finanziamento degli accordi regionali approvati con il citato decreto n. 1007/2003;
i protocolli d'intesa approvati con decreto n. 534 del 15 aprile 2002 e decreto n. 1007 del 10 giugno 2003 possono ritenersi ancora vigenti nella parte che riguarda la definizione dei contenuti e delle modalitÓ di attuazione degli istituti contrattuali ivi previsti, stante che negli anni successivi alla loro approvazione si Ŕ provveduto, di anno in anno, soltanto alla definizione delle modalitÓ di finanziamento degli stessi (decreti nn. 524 del 30 aprile 2003, 2668 del 20 gennaio 2004 e 3905 del 5 agosto 2004);
Si stabilisce quanto segue:
nella considerazione che i protocolli d'intesa approvati con decreti nn. 534 del 15 aprile 2002 e 1007 del 10 giugno 2003 possono ritenersi ancora vigenti nella parte che riguarda la definizione dei contenuti e delle modalitÓ di attuazione degli istituti contrattuali ivi previsti, si stabilisce, alla luce dell'art. 8, comma 5, dell'A.C.N. 23 marzo 2005, che, nell'attesa della definizione dei nuovi accordi regionali e sino ad approvazione degli stessi, possono prorogarsi per l'anno 2006 i predetti protocolli d'intesa, limitatamente a quegli istituti contrattuali previsti anche dal nuovo A.C.N., cosý individuati:
A  -  Medici specialisti ambulatoriali:
-  responsabile di branca;
-  formazione continua;
-  progetto di risultato.
B  -  Professionisti ambulatoriali:
-  formazione continua;
-  programmi e progetti finalizzati.
Al finanziamento dei predetti istituti di cui al punto A (medici specialisti ambulatoriali) si applicano le disposizioni di cui al decreto n. 2668 del 20 gennaio 2004, relativo alle modalitÓ di ripartizione delle risorse da destinare per l'anno 2004 al finanziamento dei citati accordi regionali di cui al decreto n. 534 del 15 aprile 2002 e secondo le percentuali ivi stabilite, con esclusione dell'istituto di cui all'art. 16, commi 16 e 17, del D.P.R. n. 271/2000 - Progetto di sviluppo e verifica periodica dell'attivitÓ specialistica ambulatoriale - non pi¨ previsto nel nuovo A.C.N. e per il quale il predetto decreto n. 2668/2004 prevedeva un finanziamento pari al 43% della spesa complessiva.
Pertanto, al finanziamento degli istituti contrattuali di cui al citato punto A potrÓ essere destinata soltanto una somma pari al 57% della spesa complessiva di cui al predetto decreto n. 2668/2004, da ripartire tra gli stessi secondo le percentuali ivi stabilite.
Al finanziamento dei predetti istituti di cui al punto B (professionisti ambulatoriali) si applicano le disposizioni di cui al decreto n. 3905 del 5 agosto 2004, relativo alle modalitÓ di ripartizione delle risorse da destinare per l'anno 2004 al finanziamento dei citati accordi regionali di cui al decreto n. 1007 del 10 giugno 2003 e secondo le percentuali ivi stabilite.
(2006.21.1703)
Torna al Sommariohome


102


MICHELE ARCADIPANE, direttore responsabile
FRANCESCO CATALANO, condirettoreMELANIA LA COGNATA, redattore

Ufficio legislativo e legale della Regione Siciliana
Gazzetta Ufficiale della Regione
Stampa: Officine Grafiche Riunite s.p.a.-Palermo
Ideazione grafica e programmi di
Michele Arcadipane
Trasposizione grafica curata da
Alessandro De Luca
Trasposizioni in PDF realizzate con Ghostscript e con i metodi qui descritti


Torna al menu- 10 -  3 -  12 -  20 -  64 -  15 -