REPUBBLICA ITALIANA
GAZZETTA UFFICIALE
DELLA REGIONE SICILIANA

PARTE PRIMA
PALERMO - VENERDÌ 20 APRILE 2001 - N. 18
SI PUBBLICA DI REGOLA IL VENERDI'

DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE: VIA CALTANISSETTA 2/E - 90141 PALERMO
INFORMAZIONI TEL 6964930 - ABBONAMENTI TEL 6964926 INSERZIONI TEL 6964936 - FAX 6964927

AVVERTENZA
Il testo della Gazzetta Ufficiale è riprodotto solo a scopo informativo e non se ne assicura la rispondenza al testo della stampa ufficiale, a cui solo è dato valore giuridico. Non si risponde, pertanto, di errori, inesattezze ed incongruenze dei testi qui riportati, nè di differenze rispetto al testo ufficiale, in ogni caso dovuti a possibili errori di trasposizione

Programmi di trasposizione e impostazione grafica di :
Avv.Michele Arcadipane

Torna al Sommariohome

ASSESSORATO DEL TERRITORIO E DELL'AMBIENTE

DECRETO 27 febbraio 2001.
Modifica del piano straordinario per l'assetto idrogeologico relativamente al centro abitato di Gela.

L'ASSESSORE PER IL TERRITORIO E L'AMBIENTE

Visto lo Statuto della Regione;
Vista la legge regionale n. 2 del 10 aprile 1968;
Vista la legge regionale n. 71 del 27 dicembre 1978;
Vista la legge regionale n. 37 del 10 agosto 1985;
Vista la legge n. 183 del 18 maggio 1989: "Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo";
Visto il decreto legge n. 180 dell'11 giugno 1998: "Misure urgenti per la prevenzione del rischio idrogeologico ed a favore delle zone colpite da disastri franosi della regione Campania", convertito in legge 3 agosto 1998, n. 267;
Visto il decreto legge n. 132 del 13 maggio 1999, convertito in legge, con modificazioni, 13 luglio 1999, n. 226;
Visto il decreto n. 298/41 del 4 luglio 2000, con il quale l'Assessorato regionale del territorio e dell'ambiente adotta il piano straordinario per l'assetto idrogeologico con cui vengono individuate le aree del territorio regionale soggette a rischio "molto elevato" o "elevato";
Visto, in particolare, l'art. 6 del predetto decreto che attesta che il piano straordinario può essere integrato e modificato, ai sensi dell'art. 1 bis del decreto legge n. 180/98 e successive modifiche ed integrazioni, in relazione a successivi studi, ricerche e/o segnalazioni e informazioni che documentino una situazione di dissesto locale diversa da quella rappresentata;
Vista la delibera di Giunta regionale n. 245 del 14 settembre 2000, con la quale, tra l'altro, viene condivisa l'opportunità di dare immediato corso all'aggiornamento del "Piano straordinario" del rischio idrogeologico, così come previsto dall'art. 6 del decreto 298/41/2000 accogliendo, prioritariamente, eventuali segnalazioni che documentino situazioni di dissesti locali diverse da quelle rappresentate nella cartografia del piano;
Visto il decreto n. 552/DTA/20 del 20 ottobre 2000, con il quale l'Assessore regionale per il territorio e l'ambiente istituisce l'Ufficio per l'assetto idrogeologico per l'espletamento, tra l'altro, dell'aggiornamento del piano straordinario per l'assetto idrogeologico;
Considerato che il suddetto decreto n. 552/DTA/20 del 20 ottobre 2000 prevede che, per l'espletamento dell'aggiornamento del piano, questo Assessorato si avvalga, quali strutture tecniche a supporto, degli uffici del Genio civile territorialmente competenti;
Vista la circolare prot. n. 57596 del 22 novembre 2000, con la quale sono state definite le procedure di aggiornamento e la documentazione tecnica da produrre a corredo delle istanze di aggiornamento;
Considerato che, con nota prot. n. 21258 del 27 dicembre 2000, il comune di Gela (CL) ha trasmesso all'ufficio del Genio civile di Caltanissetta uno "Studio di aggiornamento del piano straordinario del rischio idrogeologico";
Vista la nota prot. n. 1369 del 24 gennaio 2001, con la quale la Sezione servizio geologico dell'ufficio del Genio civile di Caltanissetta ha trasmesso a questo Assessorato lo studio prodotto dal comune di Gela e costituito dai seguenti elaborati:
 1)  relazione illustrativa;
 2)  relazione idraulica generale;
 3)  carta del rischio idrogeologico aggiornata - corografia generale;
 4)  carta del rischio idrogeologico aggiornata, planimetria generale, scala 1:25.000;
 5)  carta del rischio idrogeologico aggiornata, corografia generale, scala 1:10.000;
 6)  carta del rischio idrogeologico aggiornata, planimetria zona est, scala 1:5.000;
 7)  carta del rischio idrogeologico aggiornata, planimetria zona ovest, scala 1:5.000;
 8)  carta del rischio idrogeologico aggiornata, planimetria generale con visualizzazione delle perimetrazioni di P.P., P.P.R. e P.E; del nuovo P.R.G., scala 1:10.000;
 9)  carta del rischio idrogeologico aggiornata, planimetria zona est con visualizzazione delle perimetrazioni di P.P., P.P.R. e P.E. del nuovo P.R.G., scala 1:5.000;
10)  carta del rischio idrogeologico aggiornata, planimetria zona ovest con visualizzazione delle perimetrazioni di P.P., P.P.R. e P.E. del nuovo P.R.G., scala 1:5.000;
11)  carta del rischio idrogeologico aggiornata, planimetria P.R.G. destinazione d'uso del territorio, scala 1:5.000;
12) carta del rischio idrogeologico aggiornata, P.R.G., zonizzazione, scala 1:5.000;
13)  carta del rischio idrogeologico vigente, corografia generale del territorio comunale, scala 1:50.000;
14)  carta del rischio idrogeologico vigente, corografia generale del territorio comunale, scala 1:50.000; planimetria P.R.G. destinazione d'uso del territorio, P.R.G. zonizzazione, scala 1:50.000;
15)  progetto generale di attuazione della rete fognante, relazione illustrativa;
16)  progetto generale di attuazione della rete fognante, planimetria generale;
17)  studio geologico finalizzato allo strumento urbanistico, stralcio relazione geologica;
18)  studio geologico finalizzato allo strumento urbanistico, carta della zonizzazione geotecnica dei terreni, scala 1:50.000;
19)  studio geologico finalizzato allo strumento urbanistico, carta geomorfologica dei terreni, scala 1:50.000;
20)  studio geologico finalizzato allo strumento urbanistico, carta idrogeologica, scala 1:50.000;
21)  studio geologico finalizzato allo strumento urbanistico, carta idrogeologica zona orientale, scala 1:10.000;
22)  studio geologico finalizzato allo strumento urbanistico, carta idrogeologica zona occidentale, scala 1:10.000;
23)  elaborazione dei dati pluviometrici della stazione di Gela-Comunelli;
24)  verifica della rete di dreno delle zone urbanizzate a nord, descrizione dei bacini tributari dei collettori principali;
25)  verifica della rete di dreno delle zone urbanizzate a nord, calcolo delle portate pluviali;
26)  verifica della rete di dreno delle zone urbanizzate a nord, planimetria dei bacini tributari a nord del collettore di via Venezia, scala 1:2.000;
27)  verifica della rete di dreno delle zone urbanizzate a nord, planimetria dei bacini tributari a sud del collettore di via Venezia, scala 1:2.000;
28)  verifica della rete di dreno delle zone urbanizzate a nord, planimetria dei bacini tributari dei collettori n. 1, 3 e 4, scala 1:5.000;
29)  verifica della rete di dreno delle zone a nord, studio dell'onda di piena del fiume Gela, relazione idraulica;
30)  verifica della rete di dreno delle zone a nord, studio dell'onda di piena del fiume Gela, onda di piena artificiale conseguente a manovre degli organi di scarico, relazione idraulica;
31)  verifica della rete di dreno delle zone a nord, studio dell'onda di piena del fiume Gela, onda di piena artificiale conseguente a manovre degli organi di scarico, mappa delle aree soggette ad allagamento, scala 1:25.000;
32)  verifica della rete di dreno delle zone a nord, studio dell'onda di piena del fiume Gela, onda di piena conseguente ad ipotetico collasso dello sbarramento, relazione idraulica;
33)  verifica della rete di dreno delle zone a nord, studio dell'onda di piena del fiume Gela, onda di piena conseguente ad ipotetico collasso dello sbarramento, mappa delle aree soggette ad allagamento, scala 1:2.000;
34)  verifica della rete di dreno delle zone a nord, studio dei canali di dreno, relazione idraulica;
35)  verifica della rete di dreno delle zone a nord, studio dei canali di dreno, planimetria canale nord "Poggio Alessi", scala 1:2.000;
36)  verifica della rete di dreno delle zone a nord, studio dei canali di dreno, planimetria canale sud "Margi Pozzillo - Salera", scala 1:2.000;
37)  verifica della rete di dreno delle zone a nord, studio dell'onda di piena del torrente Gattano, relazione idraulica;
38)  verifica della rete di dreno delle zone a nord, studio dell'onda di piena del torrente Gattano, mappa delle aree soggette ad allagamento, scala 1:10.000;
39)  verifica della rete di dreno delle zone a nord, studio dell'onda di piena del Rio Roccazzelli-Rizzuto, relazione idraulica;
40)  verifica della rete di dreno delle zone a nord, studio dell'onda di piena del Rio Roccazzelli-Rizzuto, mappa delle aree soggette ad allagamento, scala 1:10.000;
41)  verifica della rete di dreno delle zone a nord, studio dell'onda di piena del torrente Comunelli, relazione idraulica;
42)  verifica della rete di dreno delle zone a nord, studio dell'onda di piena del torrente Comunelli, mappa delle aree soggette ad allagamento, scala 1:10.000;
Considerato che la sezione servizio geologico dell'ufficio del Genio civile di Caltanissetta, con nota prot. n. 3197 del 16 febbraio 2001, ha rilevato che:
- gli elaborati tecnici relativi alle verifiche idrauliche prodotti si basano su dati di piovosità oggettivi tratti dagli annali idrografici;
-  le carte prodotte rispecchiano la situazione dei luoghi;
-  gli atti tecnici prodotti contengono chiare indicazioni sulle zone a rischio elevato o modesto anche se dette indicazioni risultano essenzialmente da valutazioni di tipo qualitativo più che analitico;
Considerato che la Sezione servizio geologico dell'ufficio del Genio civile di Caltanissetta, con la sopracitata nota, ha espresso parere che gli elaborati prodotti contengono le necessarie indicazioni per una modifica del piano;
Ritenuto di dovere provvedere al riguardo;

Decreta:


Art. 1

Il piano straordinario per l'assetto idrogeologico, adottato con decreto n. 298/41 del 4 luglio 2000, è modificato relativamente all'individuazione e perimetrazione delle aree a rischio idrogeologico del centro abitato di Gela, provincia di Caltanissetta.

Art. 2

Le aree a rischio idrogeologico del centro abitato di Gela sono quelle individuate nella "Carta del rischio idrogeologico" allegata al presente decreto e sono soggette alle misure transitorie di salvaguardia, ai sensi dell'art. 2 del decreto n. 298/41 del 4 luglio 2000.
Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana.
Palermo, 27 febbraio 2001.
  LO MONTE 









Torna al Sommariohome


FRANCESCO CASTALDI: Direttore responsabile                               MARIA LA MARTINA: Redattore

Ufficio legislativo e legale della Regione Siciliana
Gazzetta Ufficiale della Regione
Stampa della Tipografia Pezzino & F.-Palermo
Ideazione grafica e programmi di
Michele Arcadipane

Torna al menu- 64 -  49 -  53 -  27 -  28 -  70 -